Buon compleanno Pinter!

È un universo variegato quello del premio Nobel Harold Pinter, di cui ricorre nei prossimi giorni l’87° anniversario di nascita  che l’Out Off celebra con una settimana di eventi a lui dedicati, la Pinter Week, in cui attraverso la poesia, il cinema ed il teatro esploreremo il mondo di Pinter. Harold Pinter non è stato solo un drammaturgo, ha attraversato ed esplorato diversi campi dell’arte: dalla poesia alla recitazione, passando per la sceneggiatura cinematografica e la poesia. Non è stato un artista lontano dai problemi del mondo contemporaneo, anzi in tutto il suo percorso traspare un grande impegno etico e politico.  Di seguito cinque curiosità per prepararci alla Pinter WeekContinua a leggere

Annunci

Cinque motivi per amare i “Vecchi tempi”.

 

Le nebbie del passato stanno per diradarsi e torna in scena Old Times, Vecchi Tempi del premio Nobel Harold Pinter, dal 3 all’ 8 ottobre al Teatro Out Off.

Pinter è un autore molto frequentato dall’Out Off, una lunga storia lega il teatro di via Mac Mahon al drammaturgo inglese. Tanto che la 42 stagione è stata inaugurata da Sketches&Shortplays e dopo Old Times proseguirà con Landescape, dello stesso Pinter. Continua a leggere

Sketches&shortplays

1m Sketches e Short plays di H. Pinter regia M. Schmidt - nellam foto Marcon Sgrosso e Elisabetta Vergani - Foto Pansera

Marco Sgrosso ed Elisabetta Vergani

La vita è bellissima, il mondo è un inferno”. (Harold Pinter).

Guai in Fabbrica, Intervista, Il candidato, Offerta Speciale, Notte, Problema, Victoria Station, Il nuovo ordine del mondo, Girls, Scusatemi, Voci nel Tunnel, Conferenza Stampa. Sono i titoli dei dodici microdrammi che compongono Sketches e Short plays di Harold Pinter  riuniti dal regista Maurizio Schmidt sulle note di cover suonate dal quartetto rock Tano e l’Ora d’aria.  È un materiale poco frequentato ma molto prezioso,  una comicità leggera, sorprendente, intelligente attraversa le parole del premio Nobel inglese dagli esordi negli anni ’50 ai drammi più recenti del 2006. Continua a leggere

Out Off: 41 stagioni tra buone pratiche e lavoro sul territorio, verso un teatro inclusivo!

Sono trascorsi 41anni dall’inaugurazione nella cantina di viale Montesanto e da allora l’Out Off ha cambiato più volte indirizzo fisico ma mai artistico ed etico. Oggi come allora Out Off vuol dire porre l’artista al centro, significa apertura e sperimentazione verso i diversi linguaggi dell’arte, della cultura e della contemporaneità, sintonia con una società che cambia continuamente,  e chiede al teatro momenti di riflessione e spazi liberi in cui  sperimentare nuove visioni e nuove forme artistiche.

E inaugurando la 42esima stagione  l’Out Off guarda al teatro come un tesoro da custodire e al tempo stesso da condividere con un pubblico più ampio e trasversale  possibile.

Continua a leggere

Pinter e l’Out Off: una lunga storia.

Sketches e short plays, Old Times e Landescape di Harold Pinter saranno i primi spettacoli ad inaugurare la stagione 2017/2018 dell’Out Off da settembre. Con Sketches & short plays Maurizio Schmidt con la compagnia Farneto Teatro propone un viaggio attraverso quindici componimenti brevi di Harold Pinter: dai primi sketches giovanili e scanzonati sull’alienazione nel mondo del lavoro, passando per i corti di indagine psicologica della maturità, fino agli ultimi testi sulla violenza della globalizzazione o sulla forza della memoria. Continua a leggere

Un compleanno da lucidare: il simbolo dell’Out Off compie 30 anni.

Croce di Arnaldo Pomodoro 2Da trent’anni accoglie gli artisti ed il pubblico dell’Out Off. Semplice, imponente, elegante, difficile da afferrare. È la croce in bronzo, realizzata dallo scultore Arnaldo Pomodoro nel 1987, rielaborando il logo dell’Out Off disegnato da Massimo Dolcini nel 1978.

Continua a leggere

Free Card l’abbonamento alla 42a stagione dell’out off: prezzo unico per una formula flessibile

freecard (2)

Con l’abbonamento Free card (6 ingressi=60 €) le possibilità si moltiplicano e il prezzo del biglietto diminuisce.

Dove è possibile acquistare la Free card? In biglietteria fino al 28 luglio e dal 1 settembre

Come funziona? In modo semplice, si acquista in biglietteria la Free Card al prezzo di 60 € che dà diritto a 6 ingressi al Teatro Out Off per tutta la stagione 2017/2018.

Quando posso usare l’abbonamento e quali spettacoli posso vedere? L’abbonamento può essere utilizzato per tutti gli spettacoli della stagione di prosa 2017/2018

La free card è nominativa? No, è libera, quindi si può scegliere se venire da soli a vedere 6 spettacoli, in coppia a vederne 3, in 3 a vederne 2, in 6 a vederne 1 … ecc

Perché abbonarsi?

Diverse sono le nuove produzioni dei registi che collaborano con l’Out Off a cominciare da Lorenzo Loris – regista stabile – Roberto Trifirò, Elena Arvigo ma anche le proposte di giovani autori. I titoli in cartellone spaziano dai grandi classici della letteratura italiana del ‘900 (Moravia, Calvino, Buzzati), alla drammaturgia europea (Koltès, Ritsos, McGuirre) e alla nuova scrittura per il teatro .

3 appuntamenti con Pinter: Sketches & short plays, Old times / vecchi tempi, Landscape

3 grandi classici del teatro: La signorina Julie di August Strindberg con la regia di Fabio Sonzogni, La signorina Else di Arthur Schnitzler con la regia di Alberto Oliva, Fedra di Ghiannis Ritsos nell’interpretazione di Stefania Barca.

Nuovo teatro con giovani autori e formazioni emergenti: “Promessa d’amore “ di Lucrezia Lerro, “I dispersi” di Fernando Coratelli, “Sulla pelle” di Massimiliano Cividati, “Eccebellum” di Andrea Rinaldi, “Abracadabra” di Irene Serini.

Teatro di impegno sociale con gli spettacoli di Barbara Altissimo “Neverending” e “Cercando il giardino”.

Per info e prenotazioni: info@teatrooutoff.it 0234532140

Per acquistare on line: https://toptix1.mioticket.it/TeatroOutOff/it-CH/subscriptions/abbonamento%20outoffcard%202017-2018/2