Sara Thaiz Bozano: bisogna accettare la nostra parte nella storia e percorrerla con coraggio.

L'immagine può contenere: notte

Foto delle prove di Manuela Giusto.

L’esperienza di Sara Thaiz Bozano  co regista insieme ad Elena Arvigo,  nella realizzazione di progetti di teatro multimediale, è stato un importante punto di partenza per l’elaborazione delle immagini suggestive, poetiche e perturbanti che fanno parte dell’allestimento. Sara Thaiz Bozano ha lavorato come assistente alla regia e stage manager di numerose produzioni teatrali in Italia e in Europa. Ha collaborato con Andrea Liberovici, Saskia Boddeke e Peter Greenaway e come stage manager nell’allestimento e nella tournée internazionale di diversi spettacoli di Robert Wilson.

 

Cosa ti ha spinto a confrontarti con l’opera di Jan Fabre?
Sono approdata a questo progetto grazie al coinvolgimento di Elena Arvigo. Ed è stata una scoperta affascinante e molto complessa. Fabre è un artista a tutto tondo e il suo teatro è vera e propria “materia plastica”. I suoi spettacoli sono modellati con estrema cura e per questi Fabre crea un tutto completo: la drammaturgia, i movimenti coreografici, la scena.
“L’imperatore della sconfitta” è stato creato in questo percorso e la struttura del testo, fatto di ripetizioni, di salite e di discese, di tentativi e di sconfitte, lo testimonia in modo inequivocabile. Credo che la sfida più importante che abbiamo affrontato con Elena sia stata il mettere in scena questo testo con il nostro occhio, il nostro gusto, senza celebrazioni e imitazioni ma sempre con grande rispetto e cura.
 
Quanto è stata importante la tua formazione (dalla collaborazione con Andrea Liberovici, Saskia Boddeke e Peter Greenaway e Robert Wilson) per la loro elaborazione?
Ho avuto la fortuna di lavorare con registi dalla grande immaginazione e talento e dai quali ho imparato moltissimo. Tuttavia la lezione più importante che ho portato a casa dopo questi anni di esperienze, credo che sia la libertà di creare uno spazio scenico anche attraverso l’utilizzo di luci, suoni e immagini, dove questi elementi trovano il loro equilibrio specifico solo nel rigore del lavoro del teatro. Così nel momento in cui abbiamo capito che parte del racconto di questo spettacolo doveva essere affidato alle immagini, abbiamo deciso di costruire un team e affrontare la messa in scena come un discorso aperto, dove ogni professionista potesse dare il proprio contributo. Il video – il cui uso in teatro è sempre un rischio – nasce ad esempio in totale sinergia con la costruzione dello spazio, con il progetto luci e con la scelta delle musiche. Ogni elemento ha il suo posto nella compresenza degli altri elementi scenici, ogni artista coinvolto completa con il proprio intervento il lavoro degli altri. Insieme abbiamo voluto comporre una partitura che si evolve dinamicamente, disegna lo spazio e scandisce il nostro racconto.
 
La sconfitta come punto di partenza: una condizione umana ed artistica dalla quale nessuno può esimersi?
Il segreto di questo testo si rivela già nel suo titolo. La sconfitta è un fatto della vita, ma è dato ad ognuno di noi farne un punto di svolta.
D’altra parte il teatro è il luogo dove tutto può essere inventato e tutto è possibile, ed è Fabre stesso a incalzarci verso questa inevitabile conclusione: sul palcoscenico ognuno può essere protagonista. Il palcoscenico è lo spazio dove il ricominciare, dove il provare e l’esercitarsi, creano la circostanza stessa del trionfo e della sconfitta. Il teatro crea di per sé stesso questa doppia condizione, questo equivoco inevitabile.
Esserne consapevoli tuttavia – farne la circostanza che si sceglie per se stessi – è la chiave per uscire dal paradosso. Bisogna essere capaci di ricominciare sempre e dimenticare tutto, ma mai perdere la capacità di osare, di determinarsi, di imparare sempre qualcosa di nuovo. Non ci sono segreti, bisogna solo accettare la nostra parte nella storia e percorrerla con coraggio. E questo mi sembra il più grande insegnamento.

 

 

 

Elena Arvigo: porto in scena la poesia del fallimento.

L'imperatore della sconfitta-foto di ManuelaGiusto3

Fino al 27 maggio è in scena all’Out Off con L’imperatore della sconfitta, di cui è co regista insieme a Sara Thaiz Bozano ed interprete, insieme all’attore Marco Vergani. È Elena Arvigo, una delle attrici più significative del panorama teatrale italiano, che ha intrecciato il suo percorso con quello dell’Out Off con 4:48 Psychosis di Sarah Kane (2014); “Maternity blues” di Grazia Verasani (2015) , “Il bosco” di David Mamet (2015), “Donna non rieducabile” di Stefano Massini (2015), “I monologhi dell’atomica” (2016) da Svetlana Aleksievich e Kyoko Hayashi, spettacoli di cui è stata regista ed interprete. Elena Arvigo torna all’Out Off e per le celebrazioni dei quarant’anni del teatro si confronta con la drammaturgia di Jan Fabre,  artista visivo, regista, scrittore, fautore di un teatro della fisicità che utilizza il corpo in ogni sua forma (danza, performance, azione teatrale),  punto di riferimento artistico  fondamentale  per l’Out Off. Del suo rapporto con Fabre, dell’idea di sconfitta e dell’allestimento della pièce  Elena ha parlato al nostro blog. Continua a leggere

5 buoni motivi per amare L’imperatore della sconfitta.

40 anni vissuti  tra arte, teatro, poesia, musica, danza e performance. Questa è stata ed è la storia dell’Out Off, che giunge in questi giorni al termine delle celebrazioni per il primo quarantennio di attività con uno spettacolo visionario e poetico, L’imperatore della sconfitta di Jan Fabre, in scena fino al 27 maggio. L’opera è il racconto di un tentativo che non si esaurisce nel fallimento, ma che trova, anzi, nel fallimento la sua forma perfetta. La sconfitta è azione, atto rivoluzionario, momento di rivincita e possibilità di proseguire. La sconfitta, dunque, come punto di partenza e di arrivo perché se non fossimo sconfitti non avremmo la possibilità di continuare a sbagliare e quindi a esistere nel mondo. Forse questo imperatore non è altro che un uomo, a cui nel tentativo   disperato di essere uomo nasceranno due ali tra le spalle.

Se non l’avete ancora visto di seguito 5 motivi per cui trascorrere 50 minuti di emozione pura. Continua a leggere

_MG_5982 copia

Gemma Pedrini in scena, foto di Agneza Dorkin.

Ne Gli amori difficili la musica è una vera e propria protagonista, portatrice di una catarsi psicologica che diventa un valore aggiunto allo spettacolo. Se nelle storie di Italo Calvino messe in scene da Lorenzo Loris i pensieri dei personaggi, i moti interiori verso l’amore incontrano i rumori del mondo circostante velatamente,  grazie al violoncello di Gemma Pedrini il momento diventa magico.

Continua a leggere

Bistrot del teatro: con la cultura si mangia!

Nel 1976 l’Out off era un locale underground, in cui gli artisti potevano sperimentare diversi generi e linguaggi, era un’officina che proponeva tra le varie forme d’arte anche la cucina, perché esattamente come il cibo, la cultura e l’arte esistono solo se condivise. Passano gli anni, e per l’esattezza quaranta dalla nascita dell’Out Off, cambia il modo di vivere, la società e persino il modo di fare arte ma lo spirito dell’Out Off è rimasto lo stesso, così per i nostri 40 anni inauguriamo una nuova collaborazione con il bistrot del teatro. Continua a leggere

Nicola Ciammarughi: l’amore è un posto in cui ci piove dentro.

_MG_5893 copia

Nicola Ciammarughi ne Gli amori difficili.

Ne Gli amori difficili di Italo Calvino interpreta un marito operaio, un bandito, un cacciatore, un lavoratore amante della grappa e un compagno di “scompartimento” quasi muto del “viaggiatore”  Gigio Alberti. È Nicola Ciammarughi, attore e regista, che al nostro blog parla del proprio rapporto con lo scrittore sanremese, della difficoltà dell’amore e della provvidenziale fantasia.

Continua a leggere