Quel maestro dell’esagerazione di Thomas Bernhard!

Anni ’80, redazione Ubulibri, un giovane traduttore legge su esortazione di Franco Quadri un testo da poco arrivato in Italia e ride fragorosamente. Il testo parla di due anziani fratelli, reduci da un funerale alle prese con il bilancio sulla loro esistenza votata all’arte mentre si avvicina il confronto con la morte. Sembra paradossale? Lo è!
Ma stiamo parlando di Thomas Bernhard, maestro dell’esagerazione, e della pièce L’apparenza inganna, in scena al Teatro Out Off fino al 12 febbraio, in cui l’elemento buffo e caricaturale è centrale e tra i primi a rendersene conto è stato proprio di traduttore che lo ha scoperto e diffuso in Italia: Roberto Menin, oggi professore ordinario di lingua tedesca e traduzione dal tedesco all’Università di Bologna e traduttore di R.M. Rilke, di B. Strauss, di R. W. Fassbinder.
Ieri, dopo la replica de L’Apparenza Inganna, Roberto Menin ha chiacchierato con gli attori Roberto Trifirò (Karl) e Giovanni Battaglia (Robert) e con il pubblico, svelando particolari della vita e della poetica di Thomas Bernhard e alcuni aneddoti legati alla pièce che riportiamo di seguito. Continua a leggere

Cinque motivi per vedere L’apparenza inganna

2lapparenza-inganna-di-thomas-bernhard-regia-roberto-trifiro-da-sx-giovanni-battaglia-roberto-trifiro-foto-dorkin
Uno dei testi più discussi del ‘900 “L’apparenza inganna” è in scena fino al 12 febbraio al Teatro Out Off di Milano con la regia di Roberto Trifirò anche in scena insieme a Giovanni Battaglia. La storia di Karl e Robert, i due anziani fratelli, ex giocoliere uno ed ex attore l’altro che si incontrano ogni martedì e giovedì tentando con perfida amorevolezza di far dialogare le loro solitudini diventa nelle mani di Trifirò una pièce imperdibile. I motivi? Sarebbero tanti, ne abbiamo scelti cinque principali per cui L’apparenza inganna è uno spettacolo da non perdere.

Continua a leggere

Cinque curiosità su Thomas Bernhard.

L'immagine può contenere: una o più persone e persone sedute

 

Maestro dell’esagerazione, Thomas Bernhard è un gigante del teatro del novecento. “Tutto è caricatura” dice attraverso uno dei suoi personaggi, e ne L’Apparenza Inganna, attraverso le vicende di Karl e Robert espone le proprie considerazioni sul senso dell’esistenza, sull’arte, sulla musica e sulla necessità di aggrapparsi ad abitudini che diano sicurezza, illudendo l’uomo di trovare un punto saldo. Eppure nella propria tormentata ed avventurosa esistenza, il drammaturgo austriaco sembra aver fatto a meno delle illusioni. Di seguito cinque curiosità sulla vita di Thomas Bernhard.

Continua a leggere