Nanni Balestrini. Gli anni del cambiamento.

Nanni Balestrini (al centro) alla Prima de L'Editore regia Lorenzo Loris FOTO Erica Falcinelli.jpg

Nanni Balestrini con il cast de L’editore.

Fino al 23 dicembre al Teatro Out Off è in scena L’Editore, alla Fondazione Mudima, in via Tardini, è visitabile fino al 31 gennaio la mostra “Vogliamo Tutto”. Autore dei due progetti è Nanni Balestrini, poeta, romanziere, artista attivo in Italia e in Francia. Dell’Editore, degli anni ’70 e del mondo di oggi ha parlato al nostro blog.

Continua a leggere

Vogliamo Tutto

“Ci sono giorni che valgono anni” è la scritta che campeggia su una delle oltre 200 opere di Nanni Balestrini all’interno della mostra Vogliamo Tutto, inaugurata ieri allo Spazio Tadini di Milano.
Già: ci sono giorni che valgono anni, come il 14 marzo del 1972, giorno della morte di Giangiacomo Feltrinelli, evento che ha ispirato L’editore di Nanni Balestrini, in scena al Teatro Out Off fino al 23 dicembre. Continua a leggere

Nanni Balestrini: ritratto di un ragazzo degli anni ’60.

Nanni Balestrini con il regista Lorenzo Loris. Foto di Agneza Dorkin

Scrittore, artista, intellettuale. E’ difficile trovare un’unica definizione per una personalità eclettica come quella di Nanni Balestrini, esponente culturale di un’epoca che ha fatto della sperimentazione, della creatività e dell’impegno civile i propri segni distintivi. Continua a leggere

L’editore e gli anni della grande rivolta.

Roberto Traverso, Gad Lerner, Nanni Balestrini, Aldo Nove, Lorenzo Loris.

C’era il movimento Lotta continua, c’erano scontri in piazza, guerriglie urbane ma c’era soprattutto una grande voglia di cambiamento, una grande creatività artistica e un notevole fermento culturale. Furono gli anni della grande rivolta, raccontati da chi li ha vissuti, da chi li ha studiati e da chi vuole riappropriarsene per interpretare il presente e guardare al futuro. Con questo intento si è tenuto ieri al Chiostro Nina Vichi del Piccolo Teatro di Milano l’incontro “L’editore e gli anni della grande rivolta”, organizzato dall’Out Off, in occasione dello spettacolo L’editore che debutterà il prossimo 13 dicembre. Ospiti dell’incontro :Gad Lerner, Nanni Balestrini, Aldo Nove e il regista Lorenzo Loris. Continua a leggere

L’editore e i movimentati anni ’70.

foto-anni-70-archivio-feltrinelliGli anni ’70 furono  anni di grande fermento culturale, segnati da un forte desiderio di cambiamento, percorsi dalla voglia di partecipare alla trasformazione. Fu un decennio dominato dalla voglia di libertà, di trasgressione e di impegno politico. Nelle università e nelle scuole di allora proliferavano grandi movimenti di massa, collettivi, gruppi di impegno politico e civile.

In questo contesto di intensa creatività artistica e letteraria si colloca Nanni Balestrini, poeta e romanziere, nato a Milano, autore del romanzo L’editore e dell’omonimo spettacolo per cui ha curato la drammaturgia, insieme al regista Lorenzo Loris e che il prossimo 13 dicembre debutterà al Teatro Out Off di Milano. Continua a leggere

Hermann Nitsch celebra i nostri 40 anni dalla parte degli artisti!

30 novembre 1976, Milano è una città in fermento mentre in Viale Montesanto un giovane designer di Malo, Mino Bertoldo, inaugura il primo locale underground del capoluogo meneghino: l’Out Off. Un luogo dedicato a diversi linguaggi artistici: la danza, la performance, il design, la musica, l’arte, con grande attenzione agli artisti. Ad inaugurare lo spazio c’è Hermann Nitsch, uno dei fondatori dell’azionismo viennese, che all’Out Off mette in atto l’azione n. 53.

mino_1976

Mino Bertoldo, fondatore dell’Out Off nel 1976.

bassa-r-azione-53-h-nitsch-das-orgien-mysterien-theatre-foto-garghetti-30-novembre-1976

Hermann Nitsch inaugura l’Out Off nel 1976

30 novembre 2016, l’Out Off è diventato un teatro e un luogo di performance d’arte contemporanea, con lo stesso spirito di spericolatezza di allora. Ha dato spazio a giovani compagnie, ha sostenuto la propria idea di teatro come forma di impegno civile lontano sia dalle logiche commerciali che dalle facili ideologie.
A celebrare lo storico traguardo, ieri pomeriggio all’Out Off è tornato Hermann Nitsch, un ritorno storico anche se per il direttore Mino BertoldoHermann Nitsch è sempre stato all’Out Off, influenzandone la storia.” Continua a leggere